Auto-massaggio anti cellulite

Cellulite

Massaggiarsi le gambe favorisce la riduzione della cellulite e migliora il tono muscolare delle gambe e delle braccia. La maggior parte delle donne use la classica crema anti-cellulite massaggiandosi frettolosamente in piedi, senza ottenere chissà quali benefici in termini di riduzione della pelle a buccia d’arancia.

L’insuccesso ha diverse cause che spesso coesistono:

  • non sono state modificate le abitudini errate;
  • la crema contiene pochi principi attivi efficaci;
  • il massaggio è superficiale, a favore della forza di gravità.

L’auto-massaggio delle gambe, in posizione eretta, ma anche sdraiata, non migliora se non di poco il ristagno di liquidi, linfa e sangue che è presente in caso di cellulite. Fatto poi dall’alto verso il basso, peggiora la ritenzione di liquidi andando ad imbibire ulteriormente i tessuti.

Per ottenere effetti concreti e visibili con il massaggio, sarebbe opportuno mettere le gambe nella posizione a squadra come in foto e massaggiare dalle caviglie fino all’inguine.

posizione_a_squadra

In questa posizione isometrica si ottengono tanti vantaggi:

  • è favorito lo scarico venoso e linfatico;
  • si riduce la ritenzione idrica;
  • si mantengono in contrazione le gambe, le cosce e l’addome che si snelliscono;
  • si ha un effetto dimagrante e tonificante delle braccia che sono impegnate nel massaggio che deve essere vigoroso e sempre dalle caviglie all’inguine.

Massaggiarsi in questa posizione per 5 minuti al giorno, consente di ottenere risultati più efficaci e veloci rispetto ad un massaggio fatto in piedi.

Prediligere creme che non si assorbono velocemente e che consentono di far scorrere per qualche minuto le mani sulla pelle delle gambe. Una crema ad assorbimento rapido ci porta a frizionare la pelle, che potrebbe subire dei microtraumi con rottura dei capillari.

Se non si dispone di una crema idonea è possibile effettuare il massaggio, sulla pelle bagnata, con un olio home made economico e facile da preparare, a base di:

  • olio di mandorle 100 ml;
  • olio essenziale di limone 20 gocce;
  • olio essenziale di arancio 20 gocce.

Massaggiare fino a completo assorbimento. Ripetere l’operazione anche sulle braccia rimanendo sdraiati e tenendo un braccio verso l’alto mentre l’altro lo massaggia.

Nota: gli oli essenziali possono essere foto-sensibilizzanti, pertanto si sconsiglia l’esposizione al sole dopo averi applicati sulla pelle. È controindicato l’uso in gravidanza ed allattamento. Assicurarsi di non essere allergico a nessuno dei principi attivi prima di utilizzarli.