L’amato caffè: come, quando e perché berlo

caffè

Tutti abbiamo il piacere di bere al mattino e durante la giornata una o più tazzine di caffè.

Il caffè però, per essere un sano piacere, va consumato con intelligenza, nei momenti giusti e in determinate condizioni soggettive.

Il mio consiglio è quello di non assumere più di 1-3 tazze nell’arco della giornata in base al proprio Psico-Biotipo Morfologico e soprattutto non alternarlo al decaffeinato (che sarebbe bene evitare a prescindere in quanto trattato con solventi).

Un Cerebrale avrà la tachicardia, il nervosismo e perfino l’ansia con 1-2 caffè al giorno, mentre un Linfatico rimarrà calmo anche con 10 caffè. Un Bilioso invece, sta bene con 3 caffè e si irrita con 5, mentre un Sanguigno ne può tollerare 2-3 senza avere un rialzo pressorio. Chi ha una forte componente epatica, estrogenica, tiroidea e insulinica dovrebbe valutare se effettivamente beneficia del caffè. È tutta una questione di psico-fisiologia. In base a chi siamo e a come reagiamo agli stimoli, il caffè, così come tanti altri alimenti, potrà avere effetti agli antipodi.

È provato che anche solo una tazza di caffè può portare il battito cardiaco a 100 pulsazioni al minuto, soprattutto se si ha un temperamento ansioso. Troppo caffè potrebbe favorire l’osteoporosi, che è comunque multifattoriale, ma è altrettanto vero che bere caffè può favorire il lavoro dei muscoli.

Il caffè ha anche molti benefici: è un buon soppressore dell’appetito, ha poche calorie e aiuta a perdere peso.

Ricordiamoci sempre che bisogna guardare il quadro completo e personalizzare di conseguenza.

 

Oltre 130 ricette biotipizzate per la Tiroide e la Pancia

Scopri Tiroide e Metabolismo. Le ricette

Vuoi iniziare a prenderti cura della tua pancia?

Scopri La Dieta della pancia

Vuoi iniziare la tua dieta personalizzata e biotipizzata?

Scopri La Dieta dei Biotipi

Hai problemi di tiroide e vuoi una dieta personalizzata e biotipizzata?

Scopri La Dieta della Tiroide

 

SalvaSalva