La sindrome dell’intestino permeabile

Secondo le più recenti acquisizioni scientifiche, l’intestino permeabile è una delle cause primarie delle malattie autoimmuni e della tiroidite.

 

Se il tuo intestino è permeabile e gocciolante, vuol dire che le giunzioni strette che di solito tengono insieme le pareti dell’intestino si sono allentate (Leaky GUT Syndrome), permettendo alle particelle alimentari non digerite, ai microbi, alle tossine ecc., di sfuggire all’intestino ed entrare nel flusso sanguigno.

 

Di solito, ai miei pazienti, faccio un paragone abbastanza semplice per spiegare di cosa si tratti: il colino a maglie strette o lo scolapasta. Immagina che un colino a maglie strette sia la parete dell’intestino. Se cerchiamo di far passare una poltiglia gelatinosa, densa e corposa (il contenuto intestinale) attraverso le maglie del colino, ci accorgiamo che ne filtra pochissima. Questo procedimento richiede molto tempo e la maggior parte della poltiglia rimane nella parte concava del colino. Se pensiamo alla parete intestinale come al colino, ci accorgiamo di quanto tempo sia necessario e di come le strutture cellulari, che decidono che cosa passa dall’interno del tubo digerente al sangue, devono lavorare in sinergia tra loro per far filtrare soltanto nutrienti e non tossine, batteri, parassiti, funghi, residui di cibo non digerito.

Nel caso della sindrome dell’intestino permeabile, invece, l’intestino lavora come uno scolapasta, che ha fori molto più larghi del colino e lascia quindi passare molta più poltiglia e più velocemente, senza un filtraggio scrupoloso. Quindi il nostro intestino assorbirà cibo non digerito, tossine, proteine (come il glutine o le proteine del latte, dette caseine), microrganismi, farmaci o tossine, vari agenti patogeni che così circolano liberamente attivando e allarmando anche il sistema immunitario.

 

Un altro nome per definire questa condizione è “permeabilità intestinale”: ciò significa che le “giunzioni strette” o il passaggio tra la parete intestinale e il flusso sanguigno sono stati danneggiati e stanno permettendo alle particelle non digerite di passare attraverso la parete intestinale. Quando queste particelle entrano nel flusso sanguigno provocano un’infiammazione a livello di sistema e possono dare inizio a una risposta immunitaria nel corpo.

 

Con il passare del tempo, l’intestino che ha perso la sua integrità strutturale e la sua funzione fisiologica può portare a sensibilità alimentare, artrite, malattie infiammatorie intestinali, problemi della pelle (eczema), ipotiroidismo, affaticamento surrenale, depressione, ansia, ADHD (disturbo da deficit di attenzione/iperattività) e malassorbimento di sostanze nutritive, iperinsulinemia, sovrappeso, obesità.

Solo recentemente alcune ricerche hanno evidenziato che la sindrome da Leaky GUT, quindi l’alterata permeabilità intestinale, è uno dei presupposti che favoriscono lo sviluppo di malattie autoimmuni e persino di tumori.

 

Diversi medici forse ti diranno che riparare l’intestino alterato strutturalmente e fisiologicamente è difficile, anzi, tanti addirittura sottovalutano questa condizione e ti diranno che è inutile.

Per riparare la permeabilità ci vuole tempo, ma per la maggior parte delle persone che seguono il Metodo Missori-Gelli® è possibile vedere i risultati velocemente, soprattutto in termini di benessere e funzionalità intestinale.

 

Nel mio nuovo libro “La Dieta della Pancia” tratto di questa problematica e di tutti i malfunzionamenti della pancia. Se anche tu ne soffri o comunque la tua pancia ti crea vari disagi, consulta il libro o contattami: troveremo insieme la strada per ritornare in forma e stare bene.

Se vuoi altre informazioni sui cibi che ci aiutano a tornare in forma ti consiglio di leggere il mio nuovo libro “La Dieta della Pancia”.

 

Vuoi iniziare a prenderti cura della tua pancia?

Scopri La Dieta della pancia

Vuoi iniziare la tua dieta personalizzata e biotipizzata?

Scopri La Dieta dei Biotipi

Hai problemi di tiroide e vuoi una dieta personalizzata e biotipizzata?

Scopri La Dieta della Tiroide

SalvaSalva