Tiroidite: quali sono e cosa significano gli esami per la tiroide

Esami per la tiroide: cosa devi sapere

Quali sono i più importanti esami di laboratorio per verificare se la tiroide funziona e se c’è la tiroidite di Hashimoto?

Gli esami della tiroide normali possono non essere ottimali, ecco perché molte persone con tiroidite possono avere i sintomi dell’ipotiroidismo.

Purtroppo c’è molta disinformazione, sia su internet che nel mondo della medicina convenzionale che circonda questi due temi.

Mi è capitato, ad esempio di visitare una paziente sottopeso che era in ipertiroidismo, in trattamento con ormoni tiroidei perché il TSH era basso. Un grande errore! Oppure mi capita di visitare persone che prendono gli ormoni tiroidei per “mettere a riposo” la tiroide o per dimagrire.

In questo articolo spiegherò cosa misura ogni test ematico della tiroide, e quali sono i campi di riferimento ideali per garantire che la tiroide funzioni in modo ottimale e soprattutto come diagnosticare, con gli esami, la tiroidite.

Non basta che i valori siano nei range, (range che hanno un ampio margine), ma è importante che siano ottimali per quella persona, in base alle sue caratteristiche, al suo biotipo, alla vita che conduce, al grado di stress.

Perché, anche se abbiamo gli stessi diritti, non siamo tutti uguali.
Esistono differenze fisiologiche anche per l’età, il sesso, lo stile di vita, la costituzione, l’esposizione ad interferenti endocrini, inquinanti, ecc.

Esami per la tiroide nel dettaglio:

TSH – L’ormone stimolante la tiroide

L’ipotalamo, responsabile della gestione della fame, della sete, del sonno, della secrezione degli ormoni e della temperatura corporea, tra le altre funzioni, controlla costantemente il livello degli ormoni tiroidei presenti nel flusso sanguigno.

Se determina che i livelli di energia sono bassi, invia TRH, alla tua ghiandola pituitaria.
La ghiandola pituitaria rilascia quindi l’ormone stimolante la tiroide TSH, che viene inviato direttamente alla tiroide per produrre più ormone della tiroide o T4.

Di conseguenza, il livello del TSH è in realtà un’indicatore di ciò che la tua ipofisi sta facendo sulla base del feedback dell’ipotalamo, piuttosto che come la tua tiroide funziona effettivamente. A causa di questo ciclo di feedback negativo, il significato dei risultati è spesso controverso e confuso.

Se il TSH è alto – questo può essere un segno che si stanno producendo meno ormoni tiroidei
(si vede spesso, ma non sempre nei pazienti con Hashimoto)

Se il TSH è basso – questo può essere un segno che si stanno producendo molti ormoni tiroidei e che si è tendenzialmente ipertiroidei o ipertiroidei, o che la dose di farmaco assunto è troppo elevata.

Se il TSH è “normale” – cioè il TSH cade nell’intervallo di riferimento normale, ciò potrebbe indicare che non hai disfunzione tiroidea. Tuttavia, come spiegherò qui sotto, i livelli “normali” e “ottimali” significano cose molto diverse.

Quindi, se hai sintomi tiroidei e sei nella gamma “normale”, ma non “ottimale”, probabilmente potresti avere disfunzione della tiroide.

T4 – ormone tiroideo Tiroxina

Una volta che il TSH segnala alla tua tiroide di aumentare la produzione dei suoi ormoni, questa produce quattro diversi tipi di ormone tiroideo – T1, T2, T3 e T4.

L’output primario della tua tiroide è T4, che è una forma di stoccaggio dell’ormone. Viene immesso nel flusso sanguigno e immagazzinato nei tessuti in modo che sia disponibile quando necessario.

Noi misuriamo il Free T4 (FT4) in quanto non legato ed in grado di agire nel corpo.

Se FT4 è alto – può indicare una tiroide che funziona molto o un ipertiroidismo

Se FT4 è basso – può indicare una tiroide che funziona poco o un ipotiroidismo (tipicamente presente nei pazienti con Hashimoto)

Free T3 – l’acceleratore dell’auto

Quando qualsiasi area del corpo determina che necessita di più potenza, il T4 (magazzino) viene convertito in Free T3, che è la forma attiva dell’ormone. FT3 si attacca ai recettori all’interno delle cellule per alimentare i processi metabolici, e per questo mi piace pensare all’FT3 come al pedale dell’acceleratore dell’auto.

Se FT3 è alto – indica che la tiroide è molto attiva o c’è ipertiroidismo

Se FT3 è basso – potrebbe esserci un problema nella conversione di T4 in FT3 e si potrebbero avere i sintomi di ipotiroidismo anche se TSH e FT4 sono all’interno del range normale. Questa è una delle cause più comuni dei sintomi tiroidei che vedo nel mio studio e spesso è secondaria alla disbiosi intestinale, alla statosi epatica, all’alcol, alla carenza di ferro, selenio, zinco e vitamine B.

Reverse T3 – I freni dell’auto

Il tuo corpo usa anche una parte del T4 per creare Reverse T3 (RT3), un’altra forma inattiva di ormone tiroideo, ma che può attaccarsi ai recettori del Free T3 per rallentare i processi metabolici. Per questo motivo, mi piace considerarlo i freni dell’auto. Può aumentare per diversi fattori: stress, dieta inappropriata, eccessivo esercizio fisico, carenze vitaminiche e minerali, ecc.

Se RT3 è alto – è probabile che si converta troppo T4 in RT3 e non abbastanza in FT3, questo può causare i sintomi di ipotiroidismo anche se i livelli di TSH e T4 sono ottimali.

Inoltre, guardo il rapporto RT3 / FT3 e ho notato che le persone si sentono meglio se il rapporto è meno di 10: 1.

Auto-Anticorpi

Per controllare se c’è un processo autoimmunitario a carico della tiroide che provoca una tiroidite si controllano gli auto-anticorpi.

La Tiroidite di Hashimoto è una condizione autoimmune, il che significa che il sistema immunitario sta attaccando la tiroide, causando la sua distruzione con un’alterazione nella produzione degli ormoni.

Questo è incredibilmente importante da capire perché una volta sviluppata una malattia autoimmune, è tre volte più probabile che se ne sviluppi un’altra.

È anche importante la connessione della tiroide con le radici della malattia- intestino permeabile, dieta, tossine, infezioni e stress.

Ci sono due tipi principali di anticorpi tiroidei ed uno che si controlla in casi specifici.

Gli anticorpi anti-perossidasi tiroidea, TPOAb, attaccano un enzima usato per sintetizzare gli ormoni tiroidei e sono comunemente elevati sia nei pazienti con Hashimoto che Graves.

Gli Anticorpi anti tireoglobulina (TgAb) attaccano la tireoglobulina, necessaria per produrre gli ormoni. Sono tipicamente elevati nei pazienti con Hashimoto.

Gli Anticorpi anti recettore del TSH (TRAb) si legano al recettore tiroideo del TSH sovrastimolando la produzione ormonale e sono tipici nel Graves e talvolta nelle fasi iniziali della Hashimoto.

Se i tuoi anticorpi sono elevati – il tuo sistema immunitario sta attaccando la tua tiroide e hai una malattia tiroidea autoimmune o sei nello spettro autoimmune.

Quali sono gli esami per la tiroide che dovresti eseguire?

La maggior parte dei medici di medicina convenzionale controlla solo i livelli di TSH e se sei fortunato, testerà i tuoi livelli di FT4 per vedere se c’è un deficit di stoccaggio degli ormoni tiroidei. Tuttavia, come abbiamo detto, ci sono molti fattori coinvolti nella funzione ottimale della tiroide, quindi TST e FT4 da soli non raccontano tutta la storia. Per ottenere un quadro completo della situazione, vi consiglio, come endocrinologa funzionale, di eseguire tutti i test tiroidei elencati di seguito.

TSH

FT4

FT3

Reverse T3

TPOAb

TgAb

TRAb 

Anche se il vostro medico vi richiede un pannello completo della tiroide, potrebbe tendere a basarsi su campi di riferimento “normali” che sono a mio avviso troppo larghi e spesso imprecisi e talvolta variano da laboratorio a laboratorio. Quando sono stati creati i range di riferimento per una tiroide sana, è stato scoperto che erano state incluse persone che già avevano disfunzione della tiroide! Ma ad oggi non tutti i laboratori hanno aggiornato i range.

Nella mia pratica medica come endocrinologa funzionale, ho notato che i range qui sotto sono quelli in cui i miei pazienti (e io stessa) si sentono bene.

TSH 1-2 mIU/L o leggermente inferiore (la terapia tiroidea sostitutiva può sopprimere artificialmente il TSH)

FT4> 1,1 ng/dl

FT3> 3,2 pg/ ml

RT3 inferiore a un rapporto 10: 1 RT3: FT3

TPO – TgAb – <4 UI/ml o negativo

TRAb < 0,5 o negativo

La mia speranza è che non ci si limiti a controllare i campi di riferimento normali ma che si ascolti i pazienti e si cerchi di raggiungere i livelli ottimali.

Tuttavia, potresti incontrare resistenza in tal senso e sentirti dire che stai bene perché gli esami sono normali. Soprattutto non molti sono inclini ad accettare che esista un ruolo dell’intestino, del fegato e del cibo nei processi autoimmunitari come la tiroidite.

Con un piano personalizzato alimentare, integrativo e diagnostico (volto alla ricerca delle cause e non solo alla valutazione dei parametri), basato sull’assetto ormonale, metabolico e costituzionale è possibile raggiungere i livelli ottimali e talvolta far regredire lo spettro autoimmune.

Per sapere di più guarda il video sulla connessione tra Tiroide, intestino ed interferenti endocrini

Vuoi iniziare la tua dieta personalizzata e biotipizzata?

Scopri La Dieta dei Biotipi

Hai problemi di tiroide e vuoi una dieta personalizzata e biotipizzata?

Scopri La Dieta della Tiroide

SalvaSalva

 

Firma Dr Serena Missori

SalvaSalva

6 comments

  • Maria

    Buongiorno Dottoressa, c’è una relazione tra carenza di vitamina D e una tiroidite autoimmune? Grazie mille

    • Dr Serena Missori (author)

      La vitamina D è fondamentale per il buon funzionamento del sistema immunitario ma una relazione diretta tra autoimmunità tiroidea e carenza di vitamina D attualmente non mi risulta essere concretamente dimostrato. Personalmente consiglio ai miei pazienti con tiroidite di monitorarne i valori ematici e di mantenerli in valori ottimali mediante integrazione ed esposizione al sole quando possibile.

  • iacopo

    Faccio i miei complimenti al livello di divulgazione medica su questo sito e mi aggiorno con interesse leggendoVi con curiosità.
    Da collega direi che la correlazione è ben evidente in questo studio recente :
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28315909

  • Rosa

    Dottoressa buona sera,,, e la prima volta che effettuo controlli tiroidei,,, ft3=2,8. Ft4=0,71 htg-ab=0,8. Tpo-ab 0,2,,mi puo dare lei uno sguardo grazieee,,,,e buona serata,,,

    • Dr Serena Missori (author)

      la ringraziamo per averci contattato.
      Gentilissima Rosa,
      Se ha bisogno di un consulto, le lasciamo il numero dello studio per un appuntamento e per poter approfondire la sua situazione medica: 0660673825.
      Nel caso in cui non potesse effettuare una visita di persona può usufruire dei nostri servizi di consulenza a distanza.
      Di seguito trova tutte le informazioni:
      https://www.serenamissori.it/consulenze/
      Cordiali saluti
      Staff della dott.ssa Missori
      Staff dott.ssa Missori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *